Lago di Piana degli Albanesi

Il lago di Piana degli Albanesi è un invaso artificiale, formatosi nei primi anni ’20, in seguito alla realizzazione di una diga sul fiume Belice destro, utilizzato a scopo idropotabile, agricolo ed idroelettrico. Il lago è circondato da una piccola catena montuosa di natura prevalentemente calcarea le cui cime più alte sono i monti Maganoce, Kumeta e Pizzuta. Dal punto di vista paesaggistico e turistico, costituisce un’importante area naturalistica di circa 310 ettari che ospita, soprattutto nel periodo invernale, numerose specie di uccelli acquatici. Il clima mite consente infatti la presenza di folaghe, cormorani ed anatre e poi moriglioni, mestoloni, fischioni, germani reali ai quali si aggiungono, durante la migrazione primaverile, codoni, marzaiole ed alzavole. Più discreta è la presenza degli uccelli nel periodo estivo, quando le folaghe e i germani reali costruiscono il loro nido in prossimità delle sponde e dei salici semisommersi. Diffusi sono i rapaci, tra cui poiane, gheppi, falchi pellegrini, nibbi, l’aquila reale e, in periodi di migrazione, il maestoso falco pescatore. E’ presente la testuggine palustre che depone le sue uova nelle sponde più sabbiose, le quali si alternano alle piscine fangose frequentate dal cinghiale.

The Lake of Piana degli Albanesi

The lake of Piana degli Albanesi is an artificial reservoir, formed in the early ’20s, following the construction of a dam over the river Belice Destro, used to supply drinking water, hydropower and for agricultural purposes. The lake is surrounded by a small mountain range, mainly calcareous, whose highest peaks are the mounts Maganoce, Kumeta and Pizzuta. Both from the landscape and tourist point of view, it is an important natural area of 310 hectares approximately where many species of waterfowls can be found, especially in winter. The mild climate makes the presence of coots, cormorants and ducks possible, as well as common pochards, northern shoveler, widgeons, mallards; during the spring migration, pintails, teals and garganeys add to those ones. The presence of birds in the summer in more discreet, when the coots and mallards build their nests close to the banks and the half submerged willows. The birds of prey, including buzzards, kestrels, peregrine falcons, kites, eagles and, when migrating, the majestic osprey are numerous. There is also the pond turtle that lays its eggs in the sandy shores, which alternate with muddy pools frequented by wild boars.